Monica Dickens

Monica Dickens
Impiegò un po’ di tempo a capire cosa fare di sé: espulsa da scuola, provò con la recitazione, ma non funzionò. Presentata a Corte nel 1935, comprese presto che non era quella la vita che desiderava. Andò a fare la cameriera e la cuoca, l’infermiera durante gli anni di guerra, poi la giornalista: raccontò queste esperienze in alcuni libri. Nel frattempo si mise a scrivere romanzi, che ebbero uno straordinario successo

Monica Dickens (1915-1992), pronipote di Charles Dickens, aveva l’abilità di scrivere dell’ordinario tenendo i suoi lettori attaccati alla pagina.
Enormemente apprezzata da alcuni autori (Rebecca West, JB Priestley, Elizabeth Bowen) fu anche molto sottostimata, perché – come dice AS Byatt, sua grandissima fan – “la critica letteraria tende a creare un confine artificioso tra gli scrittori seri e le donne che scrivono libri di enorme successo”.
Impiegò un po’ di tempo a capire cosa fare di sé: espulsa da scuola, provò con la recitazione, ma non funzionò. Presentata a Corte nel 1935, comprese presto che non era quella la vita che desiderava. Andò a fare la cameriera e la cuoca, l’infermiera durante gli anni di guerra, poi la giornalista: raccontò queste esperienze in alcuni libri. Nel frattempo si mise a scrivere romanzi, che ebbero uno straordinario successo perché non solo fu “uno degli osservatori più teneri e umoristici della scena inglese” (J.Betjeman) ma perché “i suoi eroi e le sue eroine sono caratterizzati da un’innocenza coraggiosa e attraente, da un desiderio di essere utili che viene gradualmente fiaccato da circostanze interamente al di là delle loro capacità” (AS Byatt).
Sposatasi con un americano, nel 1951 si trasferì negli Stati Uniti, dove rimase fino al 1985, anno in cui morì il marito.

Rassegna stampa

Masolino D’Amico – Carissime figlie, ho solo debiti Tuttolibri, 21 aprile 2012 Un po’ come il suo grande bisnonno Charles, Monica Dickens (1915-1992) fu un prolifico autore il cui grande successo commerciale comportò una certa mancanza di entusiasmo da parte della critica… Monica DickensQuandosoffia il vento ... Leggi tutto
1 Dicembre 2017Monica Randi
Irene Bignardi – Uomini che odiano le vedove Vanity Fair, 11 aprile 2012 Monica DickensQuandosoffia il vento
1 Dicembre 2017Monica Randi
Alessandra Rota – La mamma indomabile contro la buona società la Repubblica, 1 aprile 2012 Charles Dickens era il suo bisnonno. Monica Dickens, nata nel 1915, morta il giorno di Natale del 1992, a vent’anni fu presentata a corte, venne espulsa dall’esclusivo collegio per ragazze St. Paul, fece la ... Leggi tutto
1 Dicembre 2017Monica Randi