Ada Leverson

Ada Lerverson
Rilasciato dopo due anni di carcere duro, Oscar Wilde approdò all’alba a casa di un conoscente, dove si cambiò d’abito (la sera stessa avrebbe lasciato l’Inghilterra per sempre) e dove lo raggiunsero pochi sodali, imbarazzati sul contegno da tenere. Tra questi c’era solo una donna, Ada Leverson, che l’esteta amava chiamare “Sfinge”. “Sfinge, – le disse andandole incontro e affettando un tono leggero per sdrammatizzare la circostanza – che meraviglia! Solo tu potevi sapere che cappellino ci si mette alle sette di mattina per incontrare un amico che è stato via.”

Ada Leverson (1862-1933) nacque a Londra in una famiglia ebrea colta, liberale e assimilata. Sposatasi molto giovane, il matrimonio si rivelò ben presto un fallimento ed è possibile che il marito, un donnaiolo e giocatore, sia stato fonte d’ispirazione per i terribili ritratti di mariti all’interno dei suoi romanzi. Amica di Oscar Wilde, che la chiamava la Sfinge per la sua capacità di tenere riservati i segreti e le confidenze degli amici, di Somerset Maugham, di Gorge Bernard Shaw (di cui prese il posto come critica teatrale sul “Saturday Review”) e T.S. Eliot, Leverson lavorava per diverse riviste, tra cui “Punch”. Scrisse numerosi romanzi, caratterizzati da dialoghi scintillanti e da una satira sociale divertente e appuntita. Oscar Wilde la definì “la donna più divertente al mondo”.

Rassegna stampa

Mauro Castelli – Il profumo del passato parlando di “Una seconda occasione” Economia Italiana, 29 aprile 2013 Per chi non la conosce sarà una piacevole scoperta; per chi ha già avuto modo di “leggerla” sarà una altrettanto piacevole conferma. Di certo la colta narrazione di Ada Leverson, nata a ... Leggi tutto
30/11/2017ghislandi
Laura Lepri – Matematica dell’unione Il Domenicale del Sole 24 Ore, 29 aprile 2012 Ada LeversonUn matrimonioin sospeso
30/11/2017ghislandi
Luca Scarlini – Ada Leverson, Society comedy con verde Alias, 6 agosto 2011 Ada LeversonAmorie malintesi
30/11/2017ghislandi
Eleonora Di Blasi – Amori e malintesi Il Venerdì di Repubblica, 5 agosto 2011 Le follie, i tormenti e i paradossi dell’amore non corrisposto sono la materia di questa brillante commedia degli equivoci scritta a inizio Novecento dall’inglese Ada Leverson, autrice ritenuta da Oscar Wilde la donna più ... Leggi tutto
30/11/2017ghislandi
Raffaella De Santis – Amori e malintesi la Repubblica, 16 luglio 2011 Satira coniugale in perfetto stile british: un marito pomposo, una donna annoiata e una serie di amori non corrisposti. Non a caso l’autrice era amica di Oscar Wilde che la definì “la donna più divertente del mondo”. ... Leggi tutto
30/11/2017ghislandi
Nello Ajello – Apocalisse snob L’espresso, 1 luglio 2011 Ada LeversonAmorie malintesi
30/11/2017ghislandi
Masolino D’Amico – Nella casa di bambola che buffa coppia Tuttolibri, 11 giugno 2011 Rilasciato dopo due anni di carcere duro, Oscar Wilde approdò all’alba a casa di un conoscente, dove si cambiò d’abito (la sera stessa avrebbe lasciato l’Inghilterra per sempre) e dove lo raggiunsero pochi sodali, ... Leggi tutto
30/11/2017ghislandi