Una singolare capacità di penetrazione psicologica. Una perfetta evocazione dell’adolescenza. Un romanzo pieno di sorprese e di verità, non sempre piacevoli.
cover Beryl Bainbridge
Lo dice Harriet

Due ragazzine, amiche da sempre e riunite dalle vacanze estive, cercano di colmare la noia e quel senso di vuoto che talvolta prende durante l’adolescenza. Harriet, brillante, manipolatrice e attraente è la più decisa e propone all’amica un patto segreto: “umiliare” un vicino di casa, un uomo sposato in crisi di mezza età, soprannominato dalle ragazze lo Zar.
L’io narrante, una ragazzina un po’ cicciotta, introversa, insicura è la perfetta illustrazione di un’adolescente alla ricerca della propria identità, pronta a essere plagiata da qualcuno abbastanza deciso. Harriet, appunto. Si muove agli ordini di Harriet come un soldatino di latta. Fa come “dice Harriet”, che si tratti di disobbedire blandamente ai genitori o di ammaliare in modo morboso lo Zar.
Il gioco infatti consiste nel far innamorare lo Zar di una di loro per poterlo poi respingere. Questo il piano, ma a poco a poco la storia si fa torbida, le ragazzine vengono sopraffatte dalla loro stessa ingenuità, e la vicenda diventa inquietante e terribile.
Questo fu il primo romanzo dell’autrice ma uscì solo anni dopo, perché molti editori si rifiutarono di pubblicarlo. Definito “un’esperienza dell’orrore interamente godibile”, Lo dice Harriet rimane uno studio in nero dell’adolescenza, raggelante eppure dotato di una sua pungente ironia.


© astoria S.r.l.
corso C. Colombo 11, 20144 Milano
C.F. e P. IVA 07224010962
T. +39 02 84143277

bollo

Beryl Bainbridge
Lo dice Harriet
traduzione di Massimo Bocchiola
13,5 x 19 cm, 200 pp.
euro 15,00
ISBN 978-88-96919-04-0

« acquista
« e-book
« leggi on line
« scarica un estratto

rassegna stampa
« Blog Libri, 7/12/2010
« D di Repubblica, 15/1/2011
« Il Domenicale del Sole 24 Ore, 27/2/2011
« L’indice dei libri del mese, marzo 2011